Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa
Italian English French Portuguese Spanish

Le Comunità emblematiche

La Dieta Mediterranea, pur essendo un elemento alimentare, culturale e sociale largamente condiviso e praticato da popoli di diversi Stati affacciati sul Mar Mediterraneo, assume una particolare valenza identitaria in alcune comunità, definite "emblematiche". Comunità emblematiche, così come descritte nel dossier di candidatura UNESCO della Dieta Mediterranea, sono quei gruppi sociali territorialmente definiti rappresentativi dei valori universali dichiarati Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità e particolarmente responsabili per la salvaguardia e valorizzazione dell'elemento. Le comunità emblematiche sono quelle comunità che per ragioni storiche, scientifiche o qualitative assumono un particolare rilievo nell'insieme delle comunità nazionali dei sette Stati proponenti (Italia, Spagna, Grecia, Marocco, Portogallo, Croazia e Cipro), e che basano parte sostanziale della loro identità e della loro continuità in questa esperienza collettiva e ancestrale quale è la Dieta Mediterranea, frutto di continui scambi, esperienze e tradizioni simboliche tramandate di generazione in generazione, mescolanza culturale e sociale e ricca gamma di toni regionali.

L'UNESCO, riconoscendo la Dieta Mediterranea come Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità, ha riconosciuto sette comunità emblematiche dove "la Dieta Mediterranea è ancora viva, trasmessa, protetta e celebrata e riconosciuta come parte del patrimonio culturale immateriale condiviso". La lista delle comunità emblematiche è stata formalizzata con la Carta di Chefchoauen, con la quale sette comunità mediterranee si sono impegnate per il futuro a salvaguardare e valorizzare l'elemento che le caratterizza e le accomuna in un'unica collettività. Nel caso dell'Italia è stata indicata la comunità di Pollica e Cilento, luoghi dove per molti anni ha vissuto il fisiologo americano Ancel Benjamin Keys, per studiare, elaborare e dimostrare le ipotesi dei suoi studi sull'epidemiologia delle malattie cardiovascolari, che lo condussero a formulare le ipotesi sull'influenza degli stili di vita su tali patologie e sui benefici apportati dall'adozione della Dieta Mediterranea.

Oltre a Pollica nel Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Monti Alburni, l'UNESCO ha riconosciuto come comunità emblematiche Koroni in Grecia, Soria in Spagna e Chefchaouen in Marocco, alle quali si sono unite nel 2013 il villaggio di Agros a Cipro, la municipalità di Tavira in Portogallo e le isole di Brač e Hvar in Croazia.

Dal momento dell'iscrizione della Dieta Mediterranea nella lista rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale UNESCO, le comunità emblematiche hanno avviato una stretta collaborazione per garantire la salvaguardia dell'elemento attraverso una serie di incontri. Il primo si è tenuto il 13 marzo 2010 a Chefchaouen, in Marocco, nello spazio temporale di attesa tra la consegna ufficiale del dossier a Parigi e la valutazione dello stesso da parte dell'Organo Sussidiario.

Nel febbraio 2011 in Italia, nei territori del Cilento, si è tenuto il secondo incontro tra le comunità emblematiche durante il quale si è discusso di tutte le strategie, le azioni e le attività per far sì che la Dieta Mediterranea venga salvaguardata, promossa e tutelata nei Paesi del Mediterraneo e non solo, con enorme beneficio, anche economico, per le produzioni tipiche dei territori. Inoltre, le comunità hanno individuato il Centro Studi per la Dieta Mediterranea di Pollica quale luogo di ricerca e di ospitalità.

Il terzo vertice internazionale delle quattro comunità emblematiche della Dieta Mediterranea si è svolto a Koroni, in Grecia, nel giugno 2011, a cui ne è seguito un quarto, sempre a Koroni, nell'agosto 2012. È dell'aprile 2015, infine, la decisione di formalizzare la costituzione di un Gruppo europeo di cooperazione territoriale (Gect), che riunisce le comunità emblematiche in un'unica struttura per la progettazione delle future azioni e strategie di valorizzazione della Dieta Mediterranea.

Brač e Hvar (Croazia)

Brač e Hvar sono isole della Dalmazia centrale.

Chefchaouen (Marocco)

Capoluogo dell'omonima provincia.

Cilento (Italia)

Sub-regione montuosa della Regione Campania

Koroni (Grecia)

Città nel sud della Grecia.

Soria (Spagna)

Capitale nel nord-est della Spagna.

Tavira (Portogallo)

A meridione del Portogallo continentale

Meddiet - Il portale della Dieta mediterranea" è un progetto dell'Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza. Progetto realizzato con il contributo del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali – Decreto ministeriale n. 93824 del 30 dicembre 2014.

Viale Regina Elena , 295 - 00161 Roma
Tel. 06-81100288 Fax 06-6792048
P.I. 08134851008